Leggere è Fico – Andrea Pomella

Giovedì 13 Giugno alle ore 21:30 presso l’Antica Osteria del Fico (via Guido Grandi 12, Cremona) si terrà la presentazione di “L’uomo che trema” a cura di Maresca Gambino. Incontro organizzato in collaborazione con Porte Aperte Festival e Libreria del Convegno. Con il sostegno di Cremonahotels.

Un memoir di una potenza rara. È la storia della depressione di un giovane uomo, o meglio è la storia di un giovane uomo che guarda il suo male in faccia per cercare di capire piú che può. Usando tutte le armi che ha: l’intelligenza, la forza delle parole, la letteratura, l’arte, la musica, l’ironia, la memoria. L’uomo che trema racconta, s’inoltra nel dirupo della vita di tutti i giorni, non si ferma davanti a niente. Se la sua storia è simile a quella di undici milioni di persone nel nostro Paese, il suo modo di rivelarla non ha molti paragoni.

Andrea Pomella è nato a Roma nel 1973. Ha pubblicato delle monografie su Caravaggio e su Van Gogh, I Musei Vaticani (Editrice Musei Vaticani 2007), il saggio 10 modi per imparare a essere poveri ma felici (Laurana 2012) e tre testi narrativi: Il soldato bianco (Aracne 2008), La misura del danno (Fernandel 2013) e Anni luce (Add 2018). Per Einaudi ha pubblicato il memoir L’uomo che trema (2018). Scrive su «Doppiozero» e «minima & moralia».

Ciclismo e podismo – Il piacere e il sapore della fatica

Sabato 8 Giugno alle ore 19 presso il Cortile Federico II (Piazza del Comune, Cremona) si terrà l’incontro con Claudio Gregori, narratore dello sport che ha lavorato per quattro quotidiani tra cui La Gazzetta dello sport Il Giornale di Montanelli.

Claudio Gregori ha seguito dodici Olimpiadi, ventisei Giri d’Italia e tre Tour de France, oltre a mondiali di calcio, nuoto, ciclismo, sci, scherma, atletica e ginnastica. Ha pubblicato vari libri tra cui Livio Berruti (2009), Merckx il figlio del tuono (2015) e Il corno di Orlando – Vita morte e miracoli di Ottavio Bottecchia (2017).

L’evento è organizzato da Cremona Corre.

Breve storia amorosa dei vasi comunicanti

Giovedì 6 Giugno alle ore 21:30 presso l’Antica Osteria del Fico (via Guido Grandi 12, Cremona) si terrà la presentazione del libro “Breve storia amorosa dei vasi comunicanti” a cura di Silvia Regonelli che intervisterà l’autore. Incontro organzizzato da Antica Osteria del Fico in collaborazione con Porte Aperte Festival e Libreria del Convegno

Il libro
Remo e Margherita sono giovani e smarriti, imprigionati entrambi in un corpo inospitale: lui soffre di bulimia, lei è anoressica. Almeno fino a quando non si imbattono l’uno nell’altra. E scoprono che insieme ci si può salvare.
Remo ha ventiquattro anni e l’ultimo trascorso è stato terribile. L’ha passato chiuso in casa, a mangiare senza sosta, ingrassando fino a superare i cento chili. Stanca della sua indolenza da fallito, la fidanzata l’ha pure lasciato. Una sera, in un bar che frequenta con dei vecchi amici, Remo conosce Margherita. Lei fa l’ultimo anno di liceo e di sera lavora nel ristorante di famiglia fino a tardi. È appassionata, curiosa, un po’ irascibile. Ed è bella, anche se pesa meno di quarantacinque chili. Quella sera cominciano a parlare e da allora non smettono piú. Passeggiano sulla spiaggia d’inverno, inseguono la luce abbagliante della riviera ligure, si aprono l’un l’altra. Pian piano si innamorano, senza mai dirselo, forse senza neppure rendersene conto. La notte di Capodanno salgono sulla bilancia per la prima volta. Lui pesa settanta, lei cinquanta. Che sia l’inizio o la fine della storia, non importa a nessuno dei due.

L’autore
Davide Mosca (Savona, 1979) vive e lavora a Milano, dove dirige la libreria Verso. Per Einaudi ha pubblicato Breve storia amorosa dei vasi comunicanti (2019).

L’estate di Gaia

Domenica 26 Maggio alle ore 17 verrà presentato L’estate di Gaia di Alessio Paiano.

“L’estate di Gaia” è la prima opera in versi di Alessio Paiano. Andrea Donaera, nella postfazione al volume scrive: “[…] riceviamo una novità assoluta, per questi nostri tempi: una poesia che non scivola accomodante ed emozionale, ma che costringe a cogliere il rovesciamento che è in atto nei sistemi comunicativi, attraverso l’indagine attorno alla lingua, componendola di alternative con piglio parodico, teatrale, osceno – anche nella forma editoriale data al volume. […] quanto di più lontano possibile dalla lingua ‘corretta’, dilaga nella lingua italiana e nella filosofia del linguaggio, attingendo a riferimenti autorevoli che prima di lui hanno compiuto l’eroismo di slacciarsi dal ‘normale’ fare poesia.” Da queste premesse nasce l’opera dell’autore secondo cui questo, lungi dall’essere un poema compiuto, è un pantano in cui l’autore non può che sprogettare quanto ideato. “L’estate di Gaia” è la distruzione in versi di un inetto digitale, Camicia Pezzata, scarto narrativo di un rapporto senza contatto, osceno, con un profilo digitale, Gaia. Non si dà autore senza personaggio, non si dà personaggio senza storia, non si dà storia senza l’umano, non si dà lettore-spettatore.

CTRL Gli ultrauomini

“Per 9 anni abbiamo stampato un magazine cartaceo, gratuito e tascabile, inizialmente distribuito solo nella nostra città, Bergamo. Dall’inizio del 2017 CTRL si è diffuso in tutta Italia, continuando a essere gratuito e tascabile. Fino al #72, l’ultima pubblicazione di questa lunga esperienza.

Ma CTRL non muore. Vogliamo continuare a raccontare le storie dell’Italia meno raccontata. Sul web a cadenza regolare, e su carta con una collana annuale di libri di reportage.

“Gli Ultrauomini. Terrestri d’Italia in contatto con altre dimensioni” è il nuovo libro di CTRL books, collana editoriale che nasce nella redazione di CTRL magazine.

Una strana creatura, un libro-reportage, un libro corale, di sole storie vere, che unisce:
– 1 reportage fotografico durato tre anni di Michela Benaglia.
– 11 reportage narrativi, affidati ad altrettanti scrittori e scrittrici: Giulia Callino, Maura Chiulli, Valerio Millefoglie, Alessandro Monaci, Angelo Mozzillo, Sofia Natella, Donato Novellini, Luca Pakarov, Martino Pinna, Matteo Trevisani, Paolo Zardi.
– 1 gran centrifugato finale di ultraumanità

Un libro-reportage di incontri ravvicinati con terrestri d’Italia che vanno ultra: a partire dal gestore di un’agenzia di pompe funebri di Mirandola, in provincia di Modena, che fornisce servizi di ibernazione. Tradotto: congela i cadaveri dei richiedenti e li spedisce in Russia in un centro specializzato di criogenesi (pratica legalizzata in quel paese), dove i corpi riposeranno in silos, a meno 196 gradi, in attesa di una “resurrezione” per intercessione della tecnologia.

E poi reportage da un convento di suore di clausura, dalle viscere della terra, da una sala operatoria, dalla casa di un “alieno di paese”, da una panchina su cui siede un cyborg ventiduenne, da un salottino in cui un maestro della Quarta Via beve il caffè, da un ufficio comunale in cui lavora una donna wrestler, da una conferenza di Persone Altamente Sensibili, dalla cameretta di una tanatoesteta, dalle spiagge dove un pensionato va a caccia di messaggi in bottiglia.”

Sabato 25 Maggio alle ore 17:30 con la redazione di CTRL magazine, sarà presente lo scrittore Donato Novellini

Il té delle Cinque – Maggio 2019

Arci Cremona Libreria del Convegno PETER’S TeaHouse Cremona Circolo Arcipelago IL TÈ DELLE CINQUE Una domenica al mese tra pagine e tazze fumanti Joan Lindsay • Picnic a Hanging Rock Daphne du Maurier • Rebecca domenica 19 maggio 2019 • ore 17:00 Circolo Arcipelago Via Speciano, 4 • Cremona

Una domenica al mese ci troviamo in compagnia di ottimo tè e decidiamo insieme quali letture accompagneranno gli incontri successivi. Siete tutte e tutti benvenuti e non dimenticate di portare la vostra tazza preferita! Per informazioni potete telefonare alla Libreria del Convegno (0372 32234). Vi aspettiamo!

Storia di un uomo vescica

Domenica 19 Maggio alle ore 17 verrà presentato il libro Storia di un uomo vescica di Dejanira Bada.

Maurizio Beltrami ha trentasette anni, un lavoro che detesta e un’enorme vescica sotto un piede che si nutre dei suoi traumi e che crescerà a dismisura fino a inglobarlo totalmente. Ipocondriaco e scettico, il protagonista di “Storia di un uomo vescica” sarà messo da questa straordinaria condizione di fronte all’importanza di un’esistenza libera da tutte le schiavitù della vita. Fenomenologia di una metamorfosi che rimane annidata insieme alle nostre paure.

Fossili e storioni

Quattro stagioni passate su una casa galleggiante sul fiume più lungo d’Italia. In “Fossili e storioni” lo scrittore ci racconta un anno vissuto a pelo d’acqua, sulla casa galleggiante sul Po, a cogliere i minimi cambiamenti della natura e i versi degli animali, ad ascoltare le storie dei vecchi pescatori e i sogni di Jenny la cantante, a vedere uomini remare in canoa o con una muta addosso procedere verso la foce. Un anno di apparente solitudine si trasforma – attraverso la parola scritta – nell’elegia degli spazi vuoti. Ognuno ha le proprie ragioni per stare sul fiume o fuggirne, ognuno ha la propria visione dell’acqua. In queste pagine, invece, nessuna fuga, nessuna ricerca di se stessi, piuttosto un resoconto, tra contemplazione e spirito d’avventura, grazie al quale ci si accorge che ogni luogo può essere unico. Basta saperlo guardare. Dopo “La vita segreta dei mammut in Pianura Padana”, Davide Bregola torna a raccontarci di noi immersi nel tempo e nella natura.

Sabato 18 Maggio alle ore 17:30 Donato Novellini dialoga con l’autore