Leggere è Fico – Libreria Luigi

Domenica 22 Ottobre alle ore 17 presso l’Antica Osteria del Fico (via Guido Grandi 12, Cremona) riprenderà la rassegna Leggere è Fico con la presentazione di Libreria Luigi di Stefano Caso.

Intervisterà l’autore Giuliana Pedrinazzi. Letture sceniche di Elisa Zanolla e Mario Feraboli.

Il Libro
Dopo essersi aggiudicato il Premio “Borgo Albori” come libro di narrativa dell’anno, “Libreria Luigi” (Ianieri Edizioni) di Stefano Caso continua il tour di presentazioni, arrivando a Cremona, città di nascita dell’autore.
Tra ironia e dramma, il romanzo narra la metamorfosi personale e professionale di un libraio cinquantenne, ormai stanco della mediocrità dei libri che è costretto a vendere, dei suoi clienti sempre più strambi e ignoranti, di una moglie con troppi segreti e di un figlio che alla letteratura preferisce ormai la finanzia più spietata e truffaldina. A ciò si aggiungono una sorella apprensiva e una cognata disinibita, oltre a un vicino di negozio che si finge anglofono e a un’anziana cliente di estrazione forse divina. Guidato da un gruppo di fantasmi letterari, spesso petulanti e pungenti, in sole due settimane Luigi vivrà un’inarrestabile metamorfosi dalle conseguenze imprevedibili.

Stefano Caso
Nato a Cremona e residente a Cervignano del Friuli, ha scritto tre saggi per Hobby&Work (di cui uno pubblicato in allegato a Focus Storia per Gruner+Juhr/Mondadori), i noir D’amore non si muore (Rusconi), Un’elegante ferocia (Goware), Il male relativo (I Buoni Cugini Editori) Libreria Luigi (Ianieri Edizioni).
Con il racconto Princesa, ha fatto parte dell’antologia Nessuna più (Elliot), curata da Marilù Oliva e dedicata al femminicidio; nell’antologia sono presenti trentotto scrittori italiani, fra cui Loriano Macchiavelli, Maurizio de Giovanni, Matteo Strukul, Marco Vichi, Marilù Oliva, Francesca Bertuzzi, Gianluca Morozzi e Alessandro Berselli. Di recente l’antologia è stata tradotta in spagnolo e pubblicata in Messico, col titolo Ni una mas.
Stefano Caso è laureato in filosofia, giornalista, ex docente a contratto di Comunicazione e produzione testuale all’Università di Udine ed ex Capo ufficio stampa della Provincia di Gorizia

Leggere è Fico a cura di Andrea Cisi e Mario Feraboli con la collaborazione di Libreria del Convegno e Cremonahotels.

Annunci

La chimica del mare

Sabato 21 Ottobre alle ore 17:30 presso la Libreria del Convegno si terrà la presentazione del libro di poesie di Massimo Bondioli La chimica del mare.

Converserà con l’autore il prof. Vincenzo Montuori

La chimica del mare porta con sé un’idea di luce a chiarezza, come se i versi rappresentassero un quadro en plein air, un’immagine pulita che, armonicamente, si riflette nel campo di indagine visivo di chi legge.
(dalla prefazione di Ivan Fedeli)

Massimo Bondioli è nato in provincia di Mantova nel 1959 e risiede dal 1980 a Piadena, dove lavora come maestro elementare. Si dedica da molti anni al volontariato sociale, da pochi alla poesia. Alcune sue poesie sono state pubblicate sulla rivista Il monte analogo e in diverse antologie. Nele 2010 ha pubblicato la raccolta Sotto il segno del tiglio. Ha partecipato a diversi concorsi riportando significativi riconoscimenti tra i quali, nel 2011, il primo premio per il libro edito al Concorso Internazionale “San Domenichino” di Marina di Massa.

Ri-letture – Viaggio in Italia

Venerdì 20 Ottobre al Museo Archeologico di San Lorenzo (via S.Lorenzo 4, Cremona) riprende la rassegna Ri-letture, a cura di Libreria del Convegno e Porte Aperte Festival e con il patrocinio del Comune di Cremona. L’evento è in collaborazione con Immigrati Cittadini, Associazione Latinoamericana ed Enogastronomia Mazzini. Aprirà Silvia Regonelli con Viaggio in Italia di François-René De Chateaubriand. Gli incontri si terranno alle 19. L’ingresso è gratuito.

ç

Il tè delle Cinque – Ottobre 2017

IL TÈ DELLE CINQUE
Una domenica al mese tra pagine e tazze fumanti

Donatella Di Pietrantonio • L’Arminuta
Marcello Fois • Del dirsi addio

domenica 15 ottobre 2017 • ore 17:00
Libreria del Convegno
Corso Campi, 72 • Cremona
__________________________________________

Domenica 15 ottobre, alle 17:00, vi invitiamo alla Libreria del Convegno per chiacchierare dei romanzi di Donatella Di Pietrantonio e Marcello Fois in compagnia di ottimo tè e decidere insieme quali letture accompagneranno gli incontri successivi. Siete tutte e tutti benvenuti e non dimenticate di portare la vostra tazza preferita!
Per informazioni potete telefonare a Claudia (348 7226863) o alla Libreria del Convegno (0372 32234).
Vi aspettiamo!

Arci Cremona
Circolo Arcipelago
Libreria del Convegno
PETER’S TeaHouse Cremona

I marmi colorati del Mediterraneo antico

Sabato 15 Ottobre alle ore 17 presso la libreria del Convegno verrà presentato il libro I marmi colorati del Mediterraneo antico. Introdurrà Maria Grotta, Vicepresidente di Ambiente e Cultura Mediterranea. Presenterà il libro Massimo Pellegrinetti dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, Docente di tecniche dei marmi, delle pietre e delle pietre dure. Sarà presente l’autore, Italo Abate.

La storia dei marmi antichi è la storia della distruzione di quell’immenso patrimonio di scultura, architettura e ritrattistica della Roma antica che si sviluppò, dal II secolo a.C. fino al IV secolo d.C., con la conquista del Mediterraneo dando origine alla ricerca dei marmi colorati ed alla loro utilizzazione come simbolo di potere, prestigio e nobilitas. Già dal II secolo a.C. si attiva una efferata ed indomita libido per i marmi in cui si manifesta tutta la gamma delle passioni dell’aristocrazia romana, dal desiderio all’orgoglio, dall’emulazione all’ambizione di adornare la propria domus con colonne di pentelico e cipollino rosso; statue in pavonazzetto e marmo pario; arredi in rosso antico, serpentino e cipollino; busti eritratti in alabastro o giallo antico; e così, come
nessun’altra città del tempo antico, Roma divenne un gioiello di marmi policromi, il tutto, sullo sfondo di una tumultuosa ed inquietante metropoli rimasta nei secoli simbolo di potenza e dissolutezza, di antiche e severe virtù morali e dilagante corruzione, grande crogiuolo di popoli, affascinante palcoscenico di immensa  ricchezza e disperata miseria.

I fiori del male

Domenica 8 Ottobre alle ore 16:30 presso la libreria del Convegno Vincenzo Pezzella e Paola Magi, ideatori e creatori della casa editrice archivio Dedalus di Milano, omaggiano Baudelaire per i 150 anni dei “FIORI DEL MALE” con un’edizione unica inedita e rara mai pubblicata in Italia. Inedito è il saggio di Paola Magi, “LEGGERE BAUDELAIRE CON GLI OCCHI DI DUCHAMP” e anche le illustrazioni di Vincenzo Pezzella che così parla dell’opera baudelairiana: “chi penserebbe mai al male citando i fiori? E poi male di che? C.B. si è impossessato in un solo colpo delle due anime narranti della poesia: l’apollineo e il dionisiaco. Dopo di che: molti per molto tempo stanno a guardare, e così è la vita.”
Vincenzo Pezzella e Paola Magi ci presenteranno anche gli altri interessanti e ricercati titoli delle loro edizioni durante un piacevole incontro in libreria!

Note d’autore

Domenica 8 Ottobre saremo presenti a Note d’autore, festival di musica e letteratura musicale organizzato a Piadena (CR). Il festival riunisce, in una giornata, proposte musicali e di letteratura collegata alla musica nella più ampia accezione,
declinata nei suoi vari generi e stili, attingendo a repertori di varie epoche e luoghi, e facendo riferimento alle tradizioni colta e popolare.

Nel corso della domenica si animeranno cinque luoghi rappresentativi dell’abitato: il Chiostro dei Girolamini, la Chiesa della Cattedra di San Pietro, la Sala polivalente della scuola, la Biblioteca, il Centro civico. I luoghi diverranno sedi di concerti, performance, incontri, conversazioni, riflessioni, scambi di idee. Un piccolo villaggio globale della musica e della letteratura, un crocevia tra culture ed esperienze, un intreccio di percorsi artistici e umani.

Personaggi noti e meno noti legati alla musica e alla letteratura musicale – musicologi scrittori musicisti direttori d’orchestra attori giornalisti critici insegnanti studenti appassionati – si alterneranno in un incalzante susseguirsi di appuntamenti, tra i quali si collocheranno a pieno titolo le eccellenze artistiche giovanili.

Le occasioni di ascolto e di riflessione si dipaneranno lungo cinque percorsi ideali, cinque fili rossi per orientarsi nella complessa galassia proposta dal Festival: Fantasia, Natura, Viaggio, Donne, Mente.

Sul sito dell’evento è possibile consultare il programma completo.

Saranno presenti, tra gli altri, Alberto Rizzuti, Ezio Guaitamacchi, Gasare Palmieri, Mario Luzzatto Fegiz, Vieri Poggiali.

La Donnina

Sabato 7 Ottobre alle ore 17:30 presso la libreria del Convegno Anna Laura Zappieri presenterà la sua prima raccolta poetica intitolata La donnina.

Un dolore e una mancanza, raccontati in un arco temporale che tocca sette anni di vita e in cui la maturità della scrittura si è rivelata taumaturgica e generatrice di nuove occasioni e di un nuovo modo di vedere e intendere l’esistenza. “La donnina” è una sorta di piccola e personale redenzione in cui l’autrice ha forgiato le parole come si fa con la creta dando forma al dolore, riconoscendolo e trasformandolo in qualcosa d’altro.

Nata a Milano, dopo la maturità classica Anna Laura Zappieri si è laureata col massimo dei voti in Lettere moderne, con una tesi sulla storia dell’arte cremonese. La sua prima esperienza di scrittura coincise con la collaborazione per la pagina del costume de “Il Giornale”, allora di Indro Montanelli, che lasciò per impegnarsi nel settore del terziario, in particolare nell’ambito dei servizi attinenti la professione notarile. Dopo essersi trasferita a Cremona per ragioni di assistenza alla famiglia segnata da gravi disabilità, tra il 2010 e il 2015 ha curato la redazione del periodico “Notariando”, diffuso mensilmente on-line a tutti i Notai in esercizio. Le piace pensare che sia anche per un filo tacito che la lega al massimo poeta dialettale cremonese Melchiorre Bellini, del quale è pronipote, che la lettura e la scrittura della poesia siano state sin dall’adolescenza dimensioni costanti del suo sentire e dell’esprimersi. La donnina è la sua prima raccolta poetica.

Letture a cura di Laura Feraboli

Per_corsi_ri(n)corsi

Domenica 1 Ottobre alle ore 17 si terrà l’inaugurazione della mostra Per_corsi_ri(n)corsi, raccolta di alcuni lavori di Indi Azan, al secolo Nidia Zaninetti, (quasi) trentenne di (quasi) Milano.

Di viaggi e miraggi. Di percorsi, corsi e ricorsi, e rincorsi. Di questo parlano i disegni esposti. Di un viaggio solitario in Sri Lanka compiuto una paio d’anni fa e di tutto l’affetto con cui lo ricordo. Quando ero in viaggio, in quel mese di lussuosa vita da vagabonda, sapevo che tutte le emozioni che stavo provando sarebbero state tradotte in immagini. Non sapevo in quale modo né con quale tecnica. Anche perché non avevo ancora incrociato la tecnica giusta, i gessetti, che ho incontrato sul mio percorso durante un corso, in questi due anni di attesa. Due anni sono stati necessari per assimilare l’esperienza del viaggio. Che ora si ripresenta sulla carta, in immagini soffuse, un po’ celate dal velo del ricordo e dell’affetto per quei paesaggi equatoriali tanto caldi quanto umidi. I colori non son forse quelli che ci si aspetterebbe dallo Sri Lanka, ma sono i colori che da quel viaggio mi “porto dentro” e che ho elaborato attraverso i colori che mi “porto dietro” da quando sono nata, qui, nell’umida terra padana. L’umidità, i vapori e le nubi il cui ricordo è ancora forte sulla mia pelle spero si possano percepire anche dai disegni. Che altro non sono se non un messaggio di gratitudine verso l’isola di Ceylon, i suoi ospitali abitanti e la vita che mi muove sempre verso percorsi stimolanti.