Leggere è Fico: Annarita Briganti

Domenica 1 Dicembre alle ore 17:30 all’Antica Osteria del Fico (via Guido Grandi 12, Cremona).

Una poeta, non una poetessa. Rock, ribelle, sopra le righe, contro ogni forma di convenzione e d’ipocrisia. Due matrimoni, quattro figlie, e una guerra mondiale, ricoveri in manicomio, telefonate notturne, amori celebri e indimenticabili furori, cicche di sigaretta, scrittura, solitudini. Alda Merini è impossibile da contenere entro i bordi di una pagina perché i suoi versi e la sua storia esondano, invadono la vita. Questa è una sua storia, narrata per le strade di Milano, tra le pareti della sua casa, nelle pieghe di decenni in cui le donne cambiavano, e con loro l’Italia. Grazie ad affascinanti ricostruzioni dell’epoca e a molte preziose interviste – agli amici, ai colleghi artisti, al fedele fotografo, alla figlia Barbara e a tanti altri – le voci di chi c’era si uniscono a quella dell’autrice per raccontare gli aneddoti, i pensieri, i retroscena, in presa diretta. Annarita Briganti ci offre su Alda Merini uno sguardo originale, ricco di sfumature e di dettagli. E ne illumina la vita con un taglio sghembo e partecipe, come il sole che tramonta sui Navigli cari all’artista, facendo brillare l’acqua e regalando ai nostri giorni ordinari una nuova magia.
Rassegna curata da Andrea Cisi e Mario Feraboli.
Incontro organizzato con la collaborazione di Libreria del Convegno e Porte Aperte Festival.

Autobiografie immaginarie

Sabato 30 novembre alle ore 17:30 Gianluca Barbieri presenta “Autobiografie immaginarie”.
Cosa significa raccontare? Cosa accade quando diciamo “io”? Prendersi cura di sé attraverso la scrittura è possibile solo in prospettiva autobiografica? L’immaginazione è pura evasione o può aiutare la persona a conoscersi meglio? Nel libro si risponde a queste e ad altre domande, evidenziando le potenzialità curative della scrittura “trans-autobiografica”, un tipo di narrazione che prende spunto da snodi autobiografici, da eventi reali che vengono utilizzati dall’autore per costruire storie d’invenzione. Alla prospettiva centripeta e seria del pensiero autobiografico si intreccia quella centrifuga, giocosa, ispirata alla fantasia, alla creatività e alla leggerezza. Osservarsi da un punto di vista decentrato, attivare la logica del “far finta” e del “come se”, essere consapevoli della finzione, giocare con la propria storia trasformandola in un romanzo apre uno sguardo inedito su di sé, orientato non solo in direzione di ciò che è stato, ma anche del possibile. Tutto ciò dà voce al desiderio, non mirando a un’evasione e a una fuga dalla propria storia, dalla propria identità reale, dai propri dolori, ma mettendo a disposizione dell’autore una serie di strumenti che lo aiutano a guardarsi dentro in modi nuovi e sorprendenti.

Marina Grazioli dialoga con l’autore

Irmgard Keun

Lorenzo Flabbi e Marco Federici Solari presentano l’opera di Irmgard Keun, autrice tedesca riscoperta e ritradotta da L’orma editore di cui sono fondatori e traduttori di alcuni libri di lingua francese e tedesca.

“Dopo mezzanotte”, ultimo libro pubblicato da L’orma, parla di Sanna, che così come Gilgi, Doris e tutte le protagoniste tinte di rosa di Irmgard Keun, è controcorrente, anticonformista e attrice ebbene sì anche innamorata, ma “Dopo mezzanotte” è forse il libro dove l’amore per il suo Franz si fa vivo sin dalle prime pagine e palpita e si fa più vivo forse proprio a causa della sua lontanza dal fronte.
Hitler e l’avvento del nazismo incombo più prepotentemente in questo romanzo rispetto agli altri dell’autrice.
La protagonsita Sanna, attrice, fa entrare il lettore nel suo mondo, fra birre,locali e varietà, parlandoci di sé e del suo tempo.

Entrate anche voi nel mondo di Sanna e le altre protagoniste in rosa di Irmgard Keun, venerdì 29 novembre ore 18 in libreria!!!

Vi attendiamo numerosi!!!

Ri-letture: Perché Hera si infuriò?

Ultimo appuntamento per l’edizione 2019 di Ri-letture, rassegna a cura di Mario Feraboli e Marina Volonté in collaborazione con Antica Osteria del Fico. Patrocinato da Comune di Cremona, Associazione Culturale Porte Aperte Festival, Musei Civici di Cremona e Libreria del Convegno.

Venerdì 29 Novembre alle ore 19 presso il Museo Archeologico San Lorenzo (via San Lorenzo 4, Cremona) Marina Volonté sarà la relatrice dell’incontro intitolato Perché Hera si infuriò? Tiresia, metamorfosi del profeta da Omero a Camilleri. Seguirà aperitivo. Ingresso gratuito

Tersite Rossi presenta “Gleba”

“Lavoro, terrorismo, nuove tecnologie: ‘Gleba’ indaga la complessità dell’esistente con un impressionante lavoro di documentazione” (Massimo Carlotto)

Tersite Rossi presenta “Gleba” (ed. Pendragon) dialogando con Giancarlo Roseghini.
Arci Persichello 23 novembre 2019 – ore 21.30

Paolo, ragazzo insicuro e introverso, frequenta una scuola elitaria, dove gli studenti sono spinti a una competizione feroce come quella del mercato del lavoro che li attende.
Adriana, impiegata modello in un colosso dell’e-commerce, la sera torna a casa e studia da brigatista, per vendicarsi dei padroni che le han portato via il marito e la migliore amica.
Amina, figlia d’immigrati marocchini, dopo la morte sul lavoro del padre si è smarrita nel tunnel del vuoto esistenziale, da cui prova a uscire abbracciando il jihad.
Enrico e Valeria, marito e moglie, conducono una vita precaria come il loro lavoro; lui sublima con la letteratura, la palestra e le avventure extraconiugali, lei con il sogno di un figlio.
Proprio quando queste esistenze così distanti, ma tutte asservite, inizieranno a toccarsi e a confidare in una svolta, comincerà il conto alla rovescia di un duplice, pazzesco attentato terroristico, pronto a travolgere tutto e tutti. A sperare di resistere sarà solo chi avrà il coraggio di svolgere il mestiere più difficile: quello di vivere.

┈┈┈

Tersite Rossi – Scrittore è un collettivo di scrittura.
Esordisce nel 2010 con il romanzo “È già sera, tutto è finito” (Pendragon), appartenente al genere della Narrativa d’Inchiesta e centrato sul tema della cosiddetta trattativa fra Stato e mafia d’inizio anni Novanta (finalista al Premio Alessandro Tassoni 2011 e al premio Penna d’Autore 2011).
Nel 2012 esce il suo secondo romanzo con le “edizioni e/o”, il noir distopico “Sinistri”, all’interno della collana “SabotAge” curata da Massimo Carlotto, ambientato in un futuro fin troppo prossimo, intriso di tecnocrazia liberticida e folli tentativi di ribellione.
Nel 2016 esce il suo terzo romanzo, il thriller economico-antropologico “I Signori della Cenere” (Pendragon), a chiudere la “trilogia dell’antieroe” avviata con i precedenti due, sullo sfondo della crisi finanziaria d’inizio millennio e delle sue ragioni più profonde, ancestrali.
Nel 2019 esce il suo quarto romanzo, “Gleba” (Pendragon), appartenente al filone della new italian epic e centrato sulla tematica del lavoro, sfruttato e vendicato, che segna l’ingresso nell’era del post-eroe.
Elementi ricorrenti nei romanzi di Tersite Rossi sono la riflessione sul potere e i suoi abusi, l’ineluttabilità della sconfitta di chi prova a sfidarlo, l’incastro fra la Storia con la maiuscola e quella con la minuscola, lo svolgersi inesorabilmente circolare delle vicende umane, il ruolo talvolta cinico, talvolta salvifico, comunque sempre decisivo, della casualità e del fato.
Lo pseudonimo è un omaggio al signor Rossi, l’uomo della strada, e a Tersite, l’antieroe omerico, emblema dell’opposto di ciò che tutti si attendono. È brutto, debole e codardo in un mondo di belli, forti e coraggiosi. È il sacco dei rifiuti che stona nella dimora linda della pubblicità. È il compagno di classe di cui non ci si ricorda mai il nome. È la fine quando tutti parlano d’inizio. È l’alba quando tutti pensano al tramonto. È l’ombra che nessuno vede, perché è arrivata troppo presto. O troppo tardi.
www.tersiterossi.it

┈┈┈

Prima della presentazione, alle ore 19.30, Polentata al circolo!

Arci Persichello
largo Ostiano 72 – Persico Dosimo (CR)
Ingresso con tessera Arci 2019/2020

Sinistra dopo il Torrazzo

Sabato 23 novembre alle ore 17:30 presenteremo il libro di Walter Colangelo Sinistra dopo il Torrazzo.
Cremona e Mantova, due provincie perbeniste dove un omicidio efferato farebbe notizia, non fosse che a morire con trentatré coltellate è una prostituta. A riaprire l’indagine ormai archiviata è Sandra, la sorella della vittima. Caparbia e risoluta, bellissima e agguerrita ma soprattutto disposta a rischiare. Transessuali e punk, un investigatore privato costosissimo, una comunità erotomane finiranno per travolgere la ragazza. Mentre ai tavolini dei bar all’ombra del Torrazzo si consumano aperitivi.

Walter Colangelo è nato nel 1965. Ha un rapporto difficile con la città di Milano, dove è nato e cresciuto e della quale non sopporta il traffico dell’ora di punta. Soffre di insonnia ed esce spesso la notte spostandosi in taxi, momenti dai quali trae molta ispirazione. Appassionato giallista e amante del mistero, scrive noir. I suoi personaggi sono Sandra Guerra e Victor Fanetti, una agguerrita e pericolosa eroina dal carattere impossibile e un detective poco dinamico amante della bella vita. Ha pubblicato diversi racconti con lo pseudonimo “Fatalista”.

Giallo Garda va a Cremona

Giovedì 21 Novembre Giallo Garda a Cremona. Alle ore 16 visita alla città. Alle ore 19:30 ci si sposta all’Antica Osteria del Fico (via Guido Grandi 12) per cena e presentazione del libro La dama con il ventaglio con l’autrice Giovanna Pierini, dedicato alla vita di Sofonisba Anguissola, pittrice cremonese cinquecentesca. Modera Gabriele Marazzina.

 

Emily Bronte

Venerdì 22 novembre alle ore 18:00 Paola Tonussi presenterà il libro Emily Brontë.
Nella vita di Emily Brontë accadono pochi fatti reali, tutto accade nella sua immaginazione visionaria e nei silenzi invalicabili dietro a cui osserva l’esterno: il «mio mondo interiore» delle grandi liriche, da cui hanno origine la saga infantile scritta con la sorella minore Anne, gli stessi versi, quel romanzo unico e sconvolgente che è Wuthering Heights. Con un attento studio delle fonti e una puntuale rilettura di corrispondenze, testimonianze e dichiarazioni di contemporanei che l’hanno conosciuta anche fuori dalla cerchia familiare, di là dal mito letterario costruito dopo la sua morte, questo libro mostra al lettore moderno la vera Emily Brontë: l’intreccio tra vicenda biografica e concezione dell’opera, l’equilibrio tra realtà e passione, l’attualità di una giovane donna che lotta per essere «se stessa» e «libera», emotivamente e spiritualmente. La sua vita breve, difficile, estatica, ci racconta un senso di perdita, il desiderio d’amore, d’immensità e forza senza eguali. Perché Emily Brontë sussurra al nostro orecchio l’aspirazione alla felicità e il fuoco delle paure: «Con le dita sporche/d’inchiostro, sorregge mondi illimitati», ha scritto Rosie Garland. E quei «mondi illimitati» Emily Brontë ha saputo – questa biografia lo dimostra – annodarli alla terra mortale e farcene dono.

Ri-letture: Middlesex

Quarto appuntamento per l’edizione 2019 di Ri-letture, rassegna a cura di Mario Feraboli e Marina Volonté in collaborazione con Antica Osteria del Fico. Patrocinato da Comune di Cremona, Associazione Culturale Porte Aperte Festival, Musei Civici di Cremona e Libreria del Convegno.

Venerdì 22 Novembre alle ore 19 presso il Museo Archeologico San Lorenzo (via San Lorenzo 4, Cremona) Ilaria Giani rileggerà Middlesex di Jeffrey Eugenides. Seguirà aperitivo. Ingresso gratuito

Mimmo Sammartino a Cremona

. Tra le altre collaborazioni, quelle con il quotidiano «Il Manifesto», il periodico «Avvenimenti», la Rai presso la sede regionale della Basilicata (Redazione giornalistica e Struttura Programmi), ha pubblicato per Hacca edizioni:

Il paese del segreti addii (2016)
Vito ballava con le streghe (2017)
Ballata dei miracoli poveri (2019)

In libreria l’autore dailogherà e racconterà riguardo la sua esperienza di scrittore e dei suoi libri.