Summer Poetry Festival in Cremona 2020

Domenica 28 Giugno ore 17

ll sesto appuntamento con la serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi,67, in collaborazione con la Libreria del Convegno (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19) é l’Anteprima Open Mic del Summer Poetry Festival 2020.
L’iniziativa è un “OPEN MIC” (Microfono Aperto), ossia una breve lettura o azione performativa a tematica libera della durata massima di 3 minuti per ogni partecipante iscritto. Le poetesse e i poeti interessati si devono pertanto rivolgere (entro e non oltre sabato 20 giugno) presso la Libreria del Convegno, Cso. Campi, 72,
tel. 037232234
email libreriadelconvegnocremona@gmail.com

per potersi iscrivere alla lettura.

A tutti ricordiamo che sono ammessi solo testi di composizione originale degli autori.

Il primo fuoco

Sabato 27 Giugno ore 17:30

ll quinto appuntamento con la serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi,67, in collaborazione con la Libreria del Convegno (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19) é la presentazione del libro, “Il primo fuoco e altre novelle” di Gabriele D’Annunzio, curato da Ilaria Anna Lucini & Federico Mantovani.
C’è sempre in ogni novella, in ogni poesia, in ogni istante della vita del Vate l’Amore: è totalizzante, è forza vitale; ne Il commiato l’abbandono travolge l’amato che vive un abbattimento infinito, uno svilente consumo d’anima e di corpo. Per D’Annunzio il piacere di ogni rapporto è forza creatrice: la donna è scienza che porta alla conoscenza, è portatrice di ciò che compensa e soddisfa l’uomo fisicamente, di sicuro, ma anche spiritualmente. La donna è estate, tripudio di creazione e creatività, e la sua schiena falcata è dipinta in Terra Vergine, Crimina amoris, come nella poesia Stabat nuda aestas.
Amore è un fuoco (Il primo fuoco), che scalda il cuore dopo le mani (Mani fredde e cuore caldo; Il bacio e la piaga).

Paolo Bonini dialoga con Ilaria Anna Lucini e Federico Mantovani
Interventi di Ilaria Spotti

è gradita prenotazione
tel. 037232234
email libreriadelconvegnocremona@gmail.com

Legno verde

Il quarto appuntamento con la serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi,67, in collaborazione con la Libreria del Convegno (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19) é la presentazione del libro, “Legno verde” di Cosimo Argentina, che ci parla di un mondo che non c’è più, la scuola e la società degli anni Settanta a Taranto.
Il tutto viene delineato attraverso la vita di Umberto Babilonia,
Fra vita di quartiere, amori & scuola, Argentina sviluppa quello che è un linguaggio che già aveva creato con il libro “Cuore di cuio”, confermandosi uno degli autori contemporanei d’Italia più interessanti e meritevoli d’essere letti.

Domenica 21 Giugno alle ore 17:30 Paolo Bonini dialoga con l’autore

Consumazione obbligatoria.

La paura dentro

Il quarto appuntamento con la serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi,67, in collaborazione con la Libreria del Convegno (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19) é la presentazione del libro, “La paura dentro” di Mariella Bernio, Ispirato ad una storia vera e ambientato nella provincia italiana del secondo dopoguerra, “La paura dentro” è un romanzo che attinge dal romanticismo e dal verismo, incentrandosi sulla figura di un giovane uomo reduce di guerra. La malattia, l’abbandono, la speranza che diventa passerella verso il superamento della paura e l’apertura ad un nuovo amore, in una trama di alto spessore umano.

Claudio Ardigò dialoga con l’autrice.

Consumazione obbligatoria.

Sabato 20 Giugno ore 17:30

Levels

Domenica 14 Giugno ore 17:30 il secondo appuntamento con la serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi,67, in collaborazione con la Libreria del Convegno (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19): la presentazione del libro, “Levels” di Alberto Mori:

Con la sua voce inconfondibile, ricca di suggestioni visive e sonore che animano le cose e le situazioni quotidiane, Alberto Mori ci aiuta, con acuta e provocante ironia, a leggere/ascoltare la realtà presente, immediata, quella in cui ci troviamo immersi e spesso “sorvoliamo” presi da impegni e preoccupazioni che ci distraggono. Queste istantanee in versi sono anche un invito all’umiltà, a calarci in quanto ogni giorno ci offre con la dovuta attenzione alla natura, all’ambiente, alle relazioni… magari cercando di agire con responsabilità e con una visione d’insieme che ci sollevi per vedere il bordo lunghissimo del viale sul quale siamo incamminati.

Alberto Mori, Crema, 1962. Poeta performer e artista, sperimenta attività di ricerca nella poesia utilizzando in interazione linguaggi d’arte: poesia sonora e visiva, performance ed installazione, video e fotografia. Partecipa a Festival di Performing Arts. Dal 1986, numerose le pubblicazioni editoriali. Nel 2001 Iperpoesie (Save AS Editorial) e nel 2006 Utópos (Peccata Minuta) sono stati tradotti in Spagna. Per Fara Editore ha pubblicato: Raccolta (2008),Fashion(2009),Objects (2010), Financial(2011),Piano(2012), Esecuzioni (2013), Meteo Tempi (2014), Canti Digitali (2015), Quasi Partita (2016). Direzioni (edizioni del verri 2017) è la pubblicazione più recente. Esecuzioni (2013) e Davanti alla mancante(S.C.E. 2014) sono risultate finaliste al premio di poesia e prosa “Lorenzo Montano”. :www.albertomoripoeta.com

info Libro: https://www.faraeditore.it/vademecum/36-Levels.html

Lucia Grassiccia dialoga con l’autore.

Consumazione obbligatoria.

Un femminile per Bene

Inauguriamo questa serie d’incontri che si terranno al Bar Campi, Cso. Campi, 67 (Nel rispetto delle norme di distanziamento sociale Covid-19), con la presentazione del libro Di Vincenza Di Vita, “Un femminile per Bene”:

Carmelo Bene è la Madonna e la Traviata, così come l’Italiana in Algeri.
Questo libro di Vincenza Di Vita tratteggia l’incontro fra CB & il femminile.
“Il femminile per Bene” è la sigaraia che lavora il tabacco o la Fatina dai capelli turchini di Pinocchio; “le donne vanno e vengono parlando di Michelangelo”, leggeva Bene, mentre se ne stava a istruirsi nelle sale d’aspetto delle case di tolleranza.
La preziosità di questo libro sta nell’indagare aspetti della poetica e della prassi di CB a cui prima nessuno aveva badato o approfondito, come per esempio l’eredità dell’operato beniano nel teatro, cinema e musica dei giorni nostri.

Sabato 13 Giugno alle ore 17:30 Paolo Bonini dialoga con l’autrice

Incontro in collaborazione con la Libreria del Convegno.

Consumazione obbligatoria.