“L’umano sistema fognario” di Cosimo Argentina

 

Un vortice di subumani che si arrabattano per tirare avanti e poi c’è lei, la dea, Anansa.

Una vendetta ordita ai danni della vita.

Cosimo Argentina costruisce un romanzo perfetto, dipinge un ambiente postapocalittico, la contemporaneità, il mondo in cui viviamo, in anditi e stretti vicoli di Taranto.

Una lettura denotata da un’ironia noir alquanto fosca, onirica e al contempo vivace e schizoide.

Davvero una delle migliori penne dei nostri giorni.

 

Freya

Domenica 15 aprile alle ore 17 si inaugurerà l’esposizione personale di Rita Volpi, Freya, dea Nordica che rappresenta il principio femminile nella sua forza creativa.

Rita Volpi è una pittrice e disegnatrice di Cremona, operativa da di 25anni.
Ha all’attivo nemerisi, quadri ad olio ed acrilico, murales e decorazioni su vari oggetti.
Il suo stile è fortemente influenzato da Rivera ,Okeffe, Khalo, Magritte e dalla corrente surrealista europea.Tra i suoi soggetti preferiti ci sono nature morte metafisiche e corpi femminili intenti ad esprimere una dimensione onirica molto personale.

Bevendo il tè con i morti

Sabato 14 aprile alle ore 17:00 si terrà la presentazione del libro Bevendo il tè con i morti di Chandra Livia Candiani, a cura dell’associazione Confine. 

Il libro di Chandra Livia Candiani è un canzoniere intenso di cui non so dire se la visione precede la parola o la parola contiene il suono che conduce l’immagine. Immagini forti, segni.
Dai bordi di un corpo materno a cui Candiani guarda, quasi con stupore, la voce compie una ricognizione in cui porta in vita i gesti e le parole perdute e sembra dirci una volta di più che l’altro/l’altra sono sempre sconosciuti.
Le parole, i passi e i volti attingono sempre alla vita e alla morte, e per nessuno c’è un’isola, ma solo una tremante umanità condivisa, spesso in assenza, con chi ci è consanguineo o con chi ci è più vicino.
Se l’amore è una lingua o almeno una parola, il lucido narrare una morte che non va via, non ci abbandona mai, è sapere nude le cose.

Terranno l’incontro, Marina Grazioli e Rosa Carotti.

I giorni di Postumia

Conversazione tra l’autore e Silvia Regonelli.

L’autore Andrea Vismara è stato nostro ospite la scorsa primavera per presentare il suo libro “La mia Francigena”, approfittando di una sosta a Cremona durante il cammino della via Postumia. Quel cammino viene raccontato ora in un secondo libro, intitolato “I giorni di Postumia”, che verrà presentato Giovedì 12 Aprile alle ore 18.

Correva l’anno 148 a.C. quando il console romano Postumio Albino decise di costruire una strada per collegare via terra i due porti più importanti del nord Italia, Genova e Aquileia. Ma non tutte le vie sopravvivono alla storia. Alcune decadono e vengono spinte nel limbo delle strade dimenticate, ma sotto l’asfalto, sotto le fabbriche e i centri commerciali, sotto i campi coltivati a mais, uva e frumento, quelle arterie ancora pulsano, reclamando il diritto di essere ricordate.

Andrea Vismara nasce a Roma l’11 ottobre 1965 e per molti anni lavora nei più noti rock club romani con lo pseudonimo di Dj Demian. Musicista e compositore ha suonato in vari gruppi dell’underground capitolino. Per cinque anni ha lavorato nel Dipartimento Feste ed Eventi del Partito Democratico, per il quale ha svolto anche l’attività di fotografo. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo romanzo “Iddu – Dieci vite per il dio del fuoco” per i tipi della Spartaco Edizioni. Per Edizioni dei Cammini ha pubblicato nel 2016 “La mia Francigena”. Dal 2015 vive e lavora in Toscana.

Evento in collaborazione con CAI Cremona.

Sweet Dreams di Michael Frayn

Ilsweet dreams verde Paradiso e la nostra vita quotidiana posson coincidere? Già ce lo diceva Kafka, in uno dei suoi “Aforismi di Zurau”. In questo libro il genio britannico della penna, Michael Frayn, ce lo ribadisce attraverso la vicenda del protagonista del suo romanzo, Howard Baker.

Un’elegante satira sulla società londinese contemporanea e su chi la voglia a tutti i costi combattere e osteggiare, un libro, in cui, ogni “novità”, diventa una moda.